Formazione professionale in Svizzera

Formazione professionale in Svizzera

 

Il sistema di formazione duale (formazione pratica e insegnamento scolastico) si basa sulla Legge sulla formazione professionale (LFPr) del 2004. Grazie a questa legge, per la prima volta, tutte le professioni non universitarie sono assoggettate ad un unico sistema e sono rese comparabili fra loro.

Il sistema di formazione duale è caratterizzato dalla combinazione di formazione in azienda, scuola professionale statale e corsi pratici interaziendali (organizzati dalle organizzazioni del mondo del lavoro).

La Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) è responsabile dell’assicurazione della qualità, dello sviluppo e delle ordinanze sulla formazione di base e sul riconoscimento dei cicli di formazione e dei diplomi. La SEFRI promuove la formazione duale.

Dal 1° gennaio 2013 la politica della formazione è confluita a livello federale in una nuova struttura: la Segreteria di Stato per l’educazione e la ricerca (subordinata finora al DFI) e l’UFFT sono stati riuniti sotto il nome di SEFRI – Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione.

 

Dati e cifre della formazione professionale in Svizzera

Dati e cifre della formazione professionale in Svizzera:

  • le PMI costituiscono la spina dorsale dell’economia svizzera. Oltre 300 000 PMI impiegano due terzi della popolazione attiva e formano i tre quarti degli apprendisti.
  • In Svizzera l’offerta è di circa 80 000 posti d’apprendistato in ben 230 tirocini.
  • Circa il 30% delle aziende interessate formano apprendisti.
  • Nell’offerta di posti di tirocinio la percentuale di professioni nel settore dei servizi è cresciuta dell’80%.
  • Il numero di apprendisti diminuisce:
    • 2009: circa due terzi dei giovani seguono un apprendistato
    • 1980: tre quarti dei giovani seguiva un apprendistato.
    • Nel 2009 il 68,7% dei giovani ha concluso una formazione professionale, il 22,5% una formazione universitaria e l’8,8% non ha concluso una formazione.
  • A livello di scuola media le ragazze scelgono di preferenza il percorso scolastico:
    • ragazze: 27,6%
    • ragazzi: 17,7%

I punti forti del sistema di formazione duale

I punti forti del sistema di formazione duale:

  • vicinanza al mercato del lavoro nonché all’economia e alle sue esigenze.
  • Grande importanza per lo stato sociale: il sistema di formazione duale contribuisce in larga misura a ridurre i costi dell’assistenza sociale e funge da misura d’integrazione.
  • Il passaggio dal tirocinio al mondo economico è molto più semplice rispetto a chi esce da una scuola.
  • Il sistema duale assicura ai giovani un’elevata capacità d’inserirsi nel mercato del lavoro, riduce pertanto notevolmente il tasso di disoccupazione e costituisce il motivo principale della disoccupazione giovanile molto bassa in Svizzera rispetto ad altri paesi.
  • Il sistema di formazione duale è di grande importanza per l’economia politica svizzera in particolare per quanto riguarda la sua capacità innovativa, la produttività e la qualità del lavoro (lavoro di precisione).
  • Sussistono delle differenze regionali: nella svizzera tedesca viene accordata maggiore importanza al tirocinio rispetto alla Svizzera romanda. I cantoni francofoni negli ultimi anni hanno intrapreso grandi sforzi per meglio posizionare e rendere più attrattiva la formazione professionale duale rispetto alle formazioni scolastiche e universitarie.

Al di là dei propri punti forti, il sistema di formazione professionale duale deve prepararsi a sfide specifiche

Al di là dei propri punti forti, il sistema di formazione professionale duale deve prepararsi a sfide specifiche:

  • l’accademizzazione generale delle professioni è in costante crescita.
  • La recessione globale può influenzare negativamente la formazione professionale in particolare nell’offerta di posti di tirocinio.
  • Mentre gli altri stati devono affrontare una disoccupazione giovanile elevata, in Svizzera la situazione si presenta in parte opposta: si assiste a una specie di gara per trovare giovani di talento e da diverso tempo non tutti i formatori di apprendisti trovano infine un apprendista adeguato.
  • Cambiamenti demografici – ad es. il numero piuttosto contenuto di allievi licenziati dalla scuola media – potrebbero inasprire la concorrenza tra formazione generale e formazione professionale.
  • Il sistema formativo professionale deve essere integrato in un sistema di riferimenti. Le formazioni professionali e i relativi attestati e diplomi professionali devono poter essere comparati con i diplomi accademici.